domenica 28 febbraio 2021

Telefonia mobile: tra gli operatori è gara a chi offre più GB e minuti

Il braccio di ferro tra gli operatori di telefonia mobile oggi si gioca tutto sul traffico dati compreso nei pacchetti. Nell'ultimo anno infatti, le compagnie per contendersi i clienti hanno puntato tutto su Giga (e minuti) compresi nelle offerte, abbassando un po’ i prezzi. Gli sms stanno diventando sempre più desueti fino quasi a scomparire. L'ultimo studio SOStariffe.it analizza costi e composizione dei pacchetti all inclusive di telefonia mobile nel corso dell’anno della pandemia.

Calano i prezzi, cresce il 5G. Cosa è cambiato nell’anno del Covid 19

L'indagine, condotta da SOStariffe.it con l'ausilio del proprio comparatore offerte per telefonia mobile, si è focalizzata sul periodo tra marzo 2020 e febbraio 2021. La ricerca ha preso in esame da un lato prezzo e dotazione (minuti, messaggi e traffico dati) delle tariffe ricaricabili di operatori sia tradizionali che virtuali (MNO e MVNO) e dall'altro gli stessi parametri però relativi alle offerte dei soli operatori tradizionali.
Cos'è cambiato nei pacchetti nell'anno del Covid 19? La media delle tariffe fa rilevare una lieve riduzione del costo mensile. Sono sempre meno gli sms compresi nelle offerte, crescono a dismisura i GB, ma anche i minuti. Si attivano sempre più offerte di tipo 5G. C'è più offerta sul mercato di tariffe e cellulari che supportano questa tecnologia, a costi sempre più bassi.

MNO e MVNO: offerte sempre più generose di GB (+30,1%)

Se analizziamo la media delle tariffe sul mercato offerte da tutti gli operatori (virtuali e tradizionali) ci accorgiamo come nell'ultimo anno i prezzi siano, seppur di poco, calati (-4%), passando da un costo mensile medio di 11,55 a 11,09 euro.
Le offerte di febbraio 2021 comprendono una manciata di minuti in più (+7,2%), che da una media di 2350 del 2020 salgono a 2520 quest'anno. Gli sms invece fanno un brusco passo indietro (-20,9%). La voce del pacchetto su cui si gioca la concorrenza tra le varie soluzioni proposte ai clienti sono i gigabyte inclusi. Il traffico dati compreso ha subito un deciso incremento (+30,1%). E così se a marzo 2020 le offerte contenevano in media 43 GB oggi sono almeno 56. 

Operatori tradizionali: cala il prezzo e crescono i GB

Per operatori tradizionali o MNO (Mobile Network Operator) si intendono le compagnie telefoniche che dispongono di una rete di proprietà. Nel nostro paese sono Tim, Vodafone, WindTre e Iliad. Se consideriamo solo le tariffe di questi ultimi, il trend è piuttosto simile a quello del mercato complessivo finora analizzato. Con alcune piccole differenze. 
Il costo mensile dei pacchetti è sceso in maniera più decisa (-9,3%). Un anno fa si spendevano 16,32 al mese a fronte degli attuali 14,80 euro. I minuti compresi nei pacchetti sono appena un po' di più (+3,7%): da 2740 salgono a 2842 in media. Anche in questo caso le compagnie puntano sui gigabyte inclusi. La dotazione diventa più generosa (+12,8%) passando da 62 a 70 GB al mese in media. Si riducono sempre di più gli sms che si possono inviare ogni mese (-25,6%), passando da una media di 2225 a 1656.
Se vogliamo trovare la promozione su misura per le nostre esigenze di consumo possiamo agevolmente confrontare i prezzi dei pacchetti sul mercato con l’ausilio del comparatore di SOStariffe.it, grazie al quale sono stati rilevati i dati della presente indagine: https://www.sostariffe.it/tariffe-cellulari/
Inoltre, grazie alla applicazione SosTariffe.it per dispositivi mobili, scaricabile gratis da iOS e Android store, è facile confrontare i prezzi delle tariffe in pochi clic. 
L'app permette di isolare le promozioni più interessanti nell'area "Offerte", per rileggerne i dettagli e valutarle con maggiore attenzione con più calma in un secondo momento. Inoltre, impostando manualmente le proprie preferenze di consumo, si otterranno aggiornamenti periodici sulle promozioni più vantaggiose, pensate in esclusiva per gli utenti SOStariffe.it.

sabato 27 febbraio 2021

Twitter: si pensa ai contenuti a pagamento

Novità per il social network Twitter: si lavora, infatti, ad un servizio in abbonamento in cui gli utenti pagherebbero contenuti speciali postati da account di alto profilo. 
La piattaforma ha annunciato il potenziale nuovo servizio 'Super Follows' durante l'incontro annuale con gli investitori, in cui ha spiegato che punta a 315 milioni di utenti entro il 2023.
Twitter attualmente guadagna con annunci e post promossi, con Super Follows potrebbe aggiungere ulteriori entrate sul modello di YouTube.
"Esplorare le opportunità di finanziamento del pubblico consentirà a creatori ed editori di essere supportati direttamente dal loro pubblico" ha dichiarato un portavoce di Twitter. 
Secondo il sito specializzato The Verge, Twitter ha mostrato agli investitori un esempio di abbonamento di 4,99 dollari al mese che l'utente pagherebbe per ricevere contenuti da account speciali. L'avvio di questa funzionalità di contenuti in abbonamento - di cui però non è stata resa nota nessuna tempistica - sarebbe il secondo grande cambiamento della piattaforma da quando il primo tweet è stato lanciato 15 anni fa, il 21 marzo 2006 (poi la piattaforma si aprì al pubblico il 15 luglio dello stesso anno).

martedì 23 febbraio 2021

Spotify: arriva Hi-Fi con musica in streaming ad alta fedeltà

(Ansa)
Novità per Spotify: diventa, infatti, Hi-Fi. Ad annunciarlo la popolare piattaforma di canzoni in streaming al suo evento virtuale Stream On.

Spotify Hi-Fi, che ripropone la qualità audio dei Cd, sarà disponibile entro la fine dell'anno solo "in mercati selezionati".
Inoltre Spotify, nel corso dello stesso evento, ha annunciato che si estenderà in 80 nuovi mercati compresi Nigeria, Pakistan e Bangladesh, e più di 36 lingue.

lunedì 22 febbraio 2021

Clubhouse: superati gli 8 milioni di download

(Ansa)
Grandi notizie per il nuovo social network Clubhouse: ha, infatti, superato gli 8 milioni di download, il primo febbraio ne aveva solo 3,5 milioni. Sono questi i dati riportati dalla società di analisi App Annie.

Di questi 4,5 milioni di download in più registrate nelle ultime settimane, 2,6 milioni sono stati solo negli Usa. L'app al momento è disponibile solo per iOS, il sistema operativo di Apple per iPhone e iPad. In queste due settimane su Clubhouse sono sbarcati personaggi come Elon Musk e Mark Zuckerberg, facendo così schizzare le adozioni.
Nel frattempo Facebook, come ha scritto il New York Times nei giorni scorsi, sta pensando di lanciare un servizio che entrerebbe in competizione con la piattaforma solo voce. Mentre Twitter ha già il suo Clubhouse: si chiama Spaces.

sabato 20 febbraio 2021

Tecnologia: nel 2020 boom di videochiamate grazie alla pandemia

Secondo uno studio di Juniper Research, nel 2020 c'è stato un boom di videochiamate grazie alla pandemia e all'adozione di servizi come Zoom, Google Meet e Microsoft Teams. E' stata, infatti, registrata la cifra di 1,8 miliardi di utenti iscritti ad un servizio che consenta di effettuare videochiamate tramite un dispositivo mobile.

Una crescita significativa, pari al 50%, rispetto al totale di 1,2 miliardi registrato nel 2019, quindi 600 milioni in più in un anno. Secondo il rapporto, inoltre, in futuro a prescindere dal perdurare dell'emergenza sanitaria, il numero continuerà a salire, fino ad arrivare a 4,5 miliardi di utenti nel 2025. In pratica il 50% degli abbonati 'mobile' globali.
Il Nord America e l'Europa sono le due regioni che sperimenteranno la maggiore diffusione delle soluzioni di chiamate vocali e video nei prossimi quattro anni. Si prevede che entro il 2025 oltre il 70% degli abbonati utilizzerà soluzioni di videochiamata 'mobile' in queste regioni, grazie alla maggiore diffusione degli smartphone.
La ricerca prevede inoltre che il numero globale di connessioni VoLTE, cioè le chiamate vocali (Voice over Lte) raggiungerà i 5,5 miliardi entro il 2025; in aumento da 3,3 miliardi nel 2021.

venerdì 19 febbraio 2021

Snapchat: arriva una funzione per pulire la lista di amici

(Ansa)
Grandi novità su Snapchat, uno dei social network per immagini più noti soprattutto tra i giovani: dà, infatti, la possibilità di tagliare i rami secchi. Sta lanciando una funzione che si chiama Friend Check Up (Controllo degli amici), che suggerisce periodicamente agli utenti di controllare che la lista delle persone con le quali si è scelto di condividere le storie e i contenuti pubblicati online corrisponda ai propri desideri attuali.

La funzione arriverà come notifica e per ora per i sistemi Android ma sarà a breve disponibile anche per iOS.

giovedì 18 febbraio 2021

Internet Casa Down: 5 indizi per capire che è ora di cambiare operatore

I segnali sono tutti sotto i nostri occhi ma per inesperienza potremmo scambiarli per altro. La rete che salta di continuo, i video che si bloccano, il download ‘eterno’ di alcuni file, i giochi online che proprio non vogliono girare per il verso giusto. SOStariffe.it ha individuato i cinque principali 'sintomi' di una connessione domestica non più performante, che dovrebbero metterci in allerta e indurci a valutare altri provider di servizi internet. Altre compagnie possono garantire, allo stesso prezzo o anche a prezzi più bassi, una rete all’altezza delle nostre necessità.

1) Velocità massima: prestazioni a confronto

L'evoluzione tecnologica, seppur lenta e molto graduale, delle connessioni internet casa in Italia, oggi ci permette di navigare fino a 1 giga in download, in media. Con punte di 2,5 giga in taluni casi. Se disponiamo di un abbonamento internet sottoscritto da anni, è possibile che il nostro fornitore non ci consenta di usufruire degli standard più elevati oggi raggiungibili. Come ci accorgiamo che la nostra connessione è obsoleta?
Confrontando la velocità massima di rete su cui possiamo fare affidamento con la velocità massima promessa dai principali operatori presenti sul mercato al momento. Se c’è un grosso divario, qualcosa non torna. Confrontando, invece, la velocità nominale della nostra connessione, dichiarata dall’operatore, con quella reale è possibile avere un’idea ancora più precisa dell’effettiva qualità della rete. Anche in questo caso, se il divario tra i due dati è notevole, bisognerà fare le opportune valutazioni. Cambiare operatore potrebbe risolvere i problemi.
Per scoprire la velocità di connessione a cui potremo navigare una volta sottoscritta una nuova offerta internet casa possiamo verificare la copertura nel luogo in cui abitiamo. Per verificare le prestazioni della nostra rete, invece, è possibile eseguire un test di velocità. Lo speed test fornito da SOStariffe.it ad esempio, funziona inserendo pochi dati indispensabili.

2) Fare un check all'hardware per controllare che sia tutto ok

I cali improvvisi di connessione potrebbero essere dovuti a problemi tecnici, risolvibili in poche ore da parte della compagnia. Quando i down della rete sono molto frequenti, la colpa potrebbe essere invece da attribuire proprio alla nostra apparecchiatura. I cavi, ad esempio, potrebbero essere deteriorati o scollegati.
Oppure si potrebbe trattare di un blocco temporaneo del router. In questo caso spesso si risolve semplicemente spegnendo e riaccendendo il dispositivo. Stesso discorso per il PC nel caso in cui la rete WiFi non dovesse essere più rilevata. Se il computer non riesce a connettersi in wi-fi si può tentare a collegarsi in alternativa con il cavo ethernet.
Una volta accertato che la nostra strumentazione sia in ordine, potremmo coltivare il legittimo sospetto che i cali di connessione dipendano dal nostro contratto internet. 

3) Se navigare in simultanea è solo un sogno

Un altro chiaro 'indizio' che ci deve far sospettare di non usufruire di una connessione da rete fissa eccellente in termini di prestazioni è l'impossibilità di navigare con più dispositivi in contemporanea. Ce ne accorgiamo perché la connessione rallenta vertiginosamente quando ci sono più apparecchi collegati (ad esempio due smartphone, un PC e una smart TV).
Ci basti pensare che persino una chiavetta, o un cellulare in modalità hotspot, è oggi in grado di supportare la navigazione contemporanea di diversi dispositivi con buone prestazioni generali. In base a questa considerazione, è possibile fare le nostre valutazioni.

4) Ci è precluso lo streaming: troppo buffering

Al giorno d’oggi possiamo visualizzare contenuti in streaming, come ad esempio film o serie TV, in modalità standard, HD o persino full HD e Ultra HD. Se per l'alta definizione è necessario fare affidamento su una connessione molto veloce, per la modalità standard è sufficiente una rete ADSL con almeno 7 mega in download.
Se la nostra rete non rispetta questi parametri minimi si verificheranno continuamente problemi di buffering e antipatiche interruzioni in grado di rendere impossibile la visione di un filmato con soluzione di continuità. Si tratta dell'ennesimo segnale che la nostra connessione non è al passo con i tempi. Dunque, prestiamo attenzione a rallentamenti nel caricamento o al blocco totale dello streaming.

5) Niente giochi online: la rete è una lumaca

Per giocare online non conta soltanto la velocità di navigazione. È importante anche avere buoni tempi di latenza. La latenza indica il tempo che intercorre dal momento in cui il sistema lancia un segnale a quello in cui riceve una risposta. Se il ‘botta e risposta’ è troppo a rallentatore, allora il gioco online diventa un'impresa impossibile. È questo un altro ottimo indicatore su cui soffermarsi a riflettere che non sia il caso di cambiare abbonamento internet casa.

Come scovare l’offerta più performante

Se cerchiamo una nuova connessione in Fibra o Adsl e intendiamo studiare nel dettaglio le caratteristiche dell’offerta che più ci aggrada possiamo usare lo strumento di comparazione SOStariffe.it https://www.sostariffe.it/internet-casa/. Inoltre, grazie all’App SOStariffe.it, scaricabile gratis da iOS e Android store, è possibile ricevere suggerimenti di risparmio dedicati https://www.sostariffe.it/app/.

domenica 14 febbraio 2021

WEROCK presenta la serie di computer portatili Scoria A100

Con la serie Scoria A100, WEROCK Technologies GmbH, produttore innovativo di soluzioni industriali IT e di comunicazione, lancia due nuovi computer portatili potenti e maneggevoli. Combinano le migliori caratteristiche di uno smartphone con quelle dei dispositivi professionali e assicurano così flussi di lavoro e acquisizione di dati efficienti e sicuri nei centri di vendita al dettaglio, produzione e distribuzione. Per esempio, i dispositivi costruiti in modo robusto supportano processi ad alta velocità per soddisfare requisiti come la consegna in giornata.

I moderni computer touch Scoria A104 e Scoria A105 semplificano il lavoro in molti modi. Uno scanner di codici a barre 2D di fascia alta è integrato direttamente nell'alloggiamento dei palmari industriali per l'entrata e l'uscita quotidiana di merci da magazzino e da negozio. Sviluppato appositamente per i compiti più intensivi di scansione, segna con scansioni fulminee e affidabili. L'acquisizione di dati ad alte prestazioni di prima classe segna con algoritmo di decodifica leader nel settore, messa a fuoco avanzata, ottica e sistema di illuminazione e aumenta la produttività e l'efficienza dei dipendenti. Il "Aiming LED" integrato e il campo di scansione otticamente ben definito forniscono un ulteriore supporto visivo per una scansione efficiente. Questo non solo permette una velocità di scansione molto alta, ma anche la cattura di codici difficili che sono danneggiati o sbavati, per esempio. Una fotocamera integrata da 13 megapixel permette anche di catturare immagini e documenti, così come prove di riparazioni/manutenzione effettuate, prodotti/imballaggi danneggiati e condizioni attuali delle attrezzature.
La serie Scoria prevede anche un uso lungo e ininterrotto. La batteria interna è una delle più grandi in questa classe di dispositivi ed è più che sufficiente per una tipica giornata lavorativa di 8 ore, mentre la batteria Snapon opzionale raddoppia l'autonomia. I dispositivi possono essere caricati a velocità maggiori grazie a QuickCharge 3.0 via USB-C o tramite stazioni di ricarica singole o multiple disponibili opzionalmente.
Scoria A104 e Scoria A105 non sono solo ideali come computer mobili, i due dispositivi fanno anche una bella figura come telefoni e segnano con un'eccellente qualità della voce e funzionalità. Possono essere utilizzati direttamente in tutti gli ambienti immaginabili. Dato che i dipendenti di solito hanno familiarità con Android, la curva di apprendimento è minima. I computer palmari sono impermeabili e antipolvere e possono resistere a cadute sul cemento così come a neve, pioggia, calore e freddo. Questa robustezza è stata ulteriormente certificata secondo lo standard militare MIL-STD-810G per assicurare molti anni di protezione dell'investimento.
In termini di prestazioni e connettività, Scoria A104 e Scoria A105 non sono in alcun modo inferiori ai normali smartphone. Oltre al design robusto, vantano un potente processore Qualcomm, 4GB di memoria RAM e Android 9 per operazioni veloci e stabili. Per una connettività wireless completa, i dispositivi della serie Scoria A100 comunicano tramite Wi-Fi con standard AC per un accesso rapido alle connessioni di download e upload, USB-C per uno scambio di dati veloce, Bluetooth® 4.1 BLE e NFC per la migliore connettività con dispositivi BT e NFC rispettivamente. Il GPS assistito integrato con OTDOA permette una navigazione e un posizionamento veloce, ideale per l'uso in movimento.
Le caratteristiche tecniche dei due modelli di WEROCK sono in gran parte le stesse. Il computer mobile Scoria A104 ha un display touchscreen da 4 pollici ad alto contrasto e 16 pulsanti fisici, oltre ai pulsanti di scansione laterale e ai controlli touch, mentre lo Scoria A105 ha un display leggermente più grande da 5 pollici. Entrambi i touchscreen hanno capacità multi-touch e sono facili da leggere sia all'interno che all'esterno alla luce diretta del sole.

Caratteristiche funzionali della serie Scoria A100 in sintesi

- Computer mobile Android compatto per l'uso sul campo e in ufficio
- Progettato per l'uso aziendale
- Dimensioni perfette - leggero e compatto
- Leggero, portatile senza sforzo e facile da usare con una sola mano
- Potente processore Qualcomm Snapdragon 625
- Scanner di codici a barre 1D/2D di fascia alta integrato con LED di puntamento
- Fotocamera ad alta risoluzione da 13MP sul retro
- Fino a 12 ore di durata della batteria, espandibile con la batteria SnapOn
- Tastiera opzionale per un comodo inserimento dei dati
- Polvere e impermeabile fino a IP65
- Costruito in modo robusto, certificato MIL-STD-810G
- Gamma di temperatura operativa estesa
- LTE ad alta velocità per la comunicazione mobile di voce e dati
- Connettività wireless completa con 802.11ac Wave 2 WLAN, Bluetooth e NFC
- GPS assistito per una veloce navigazione e posizionamento
- Moderno sistema operativo Android 9
- 4 GB DI RAM
- 64 GB di memoria interna, espandibile fino a 192 GB
- Ricarica rapida Quickcharge 3.0 tramite USB C
- Eccellente qualità della voce con VoLTE
- Numerosi accessori disponibili come l'impugnatura dello scanner, lo scanner UHF, la docking station, ecc.
- Prodotto a impatto climatico zero: tutte le emissioni di gas serra dalla produzione e dal trasporto sono compensate

I due dispositivi MDE sono completati da un ampio catalogo di accessori come un'impugnatura ergonomica per aree di scansione particolarmente intense, scanner RFID, penne di input, batteria Snapon, docking station e supporti per diversi scenari di applicazione.
Markus Nicoleit, amministratore delegato di WEROCK Technologies GmbH, spiega: "I nostri nuovi palmari sono il compromesso ideale per tutti coloro che devono scansionare molto, ma allo stesso tempo non vogliono lavorare con un dispositivo MDE pesante e ingombrante. È il dispositivo perfetto per le brevi distanze di scansione come quelle che si trovano nella ricezione delle merci, nella vendita al dettaglio o nelle consegne di pacchi". Con una profondità di 16 mm, i dispositivi entrano in qualsiasi tasca dei pantaloni e con 220 grammi sono insignificantemente più pesanti degli smartphone disponibili in commercio.
Scoria A104 e A105 possono essere acquistati immediatamente da WEROCK o dai partner di distribuzione autorizzati. Come tutti i prodotti dell'azienda, l'impronta di CO2 dei palmari, che è inevitabilmente causata dalla produzione e dal trasporto, è completamente compensata tramite progetti climatici secondo il Gold Standard del WWF.

sabato 13 febbraio 2021

Tecnologia: sette italiani su dieci sono attivi sui social, in aumento rispetto al 2020

(Ansa)

Parliamo di statistiche: sette italiani su dieci sono attivi sulle piattaforme social, in aumento rispetto al 2020. Sono più di 50 milioni gli utenti che accedono a Internet ogni giorno e trascorrono online il doppio del tempo che spendono guardando la tv.

Sono alcuni dati contenuti in 'Digital 2021', il report annuale che analizza lo scenario social e digital a livello locale e globale, realizzato da We Are Social in collaborazione con Hootsuite. Nel nostro paese, si registra ancora un trend in crescita per l'adozione di Internet e dei social: ogni giorno è l'84% della popolazione che accede a Internet (+2% rispetto al 2020) e il 68% quella attiva sui canali social (+6%), utilizzati in maniera diversificata, a scopo di intrattenimento, informazione, condivisione e conversazione.
Online le persone "consumano" contenuti, soprattutto video (93%), ma sempre di più audio con il 61% che ascolta musica in streaming e il 25% che fruisce di podcast. E giocano, con diverse tipologie di dispositivi, come dichiara l'81% degli italiani. YouTube si conferma la piataforma più utilizzata, seguita da WhatsApp e Facebook.
Il rapporto evidenzia poi un'evoluzione nei modi in cui le persone cercano informazioni online, anche sui marchi. Al fianco dell'utilizzo dei motori di ricerca tradizionali, si registra un 37% degli italiani che si serve di tecnologie di ricerca vocale e un 33% che ricorre ai canali social.

venerdì 12 febbraio 2021

Xiaomi: presentato a livello globale il nuovo Mi 11 5G

Novità in casa Xiaomi: è stato, infatti, presentato a livello globale il nuovo Mi 11 5G, smartphone con processore Qualcomm Snapdragon 888, una tripla fotocamera posteriore da 108 MP e ricarica wireless da 50 W. Lo schermo da 6,81 pollici ha ricevuto una valutazione A+ da DisplayMate, istituzione nel campo dell'analisi della qualità degli schermi, e può arrivare ad una frequenza di aggiornamento fluida a 120 Hz.

A completare la dotazione del pannello c'è il Glass Victus, una protezione innovativa che promette di proteggere da graffi e cadute accidentali. Che il telefonino sia votato alla multimedialità si evince anche dalla presenza di doppi speaker Harmon Kardon e di una GPU Adreno 660, che dovrebbe tradursi sulla carta in prestazioni da gioco superiori. Dotato del più recente sistema di dissipazione del calore chiamato LiquidCool, il dispositivo gestisce gaming e operazioni ad alta capacità senza scaldare e senza scaricarsi più del dovuto, grazie ad una batteria da 4.600 mAh. La ricarica avviene poi anche via wireless, a 50 W o a 55 W con il cavo in dotazione.
Xiaomi Mi 11 5G sarà disponibile in Italia a partire da inizio marzo, al prezzo di 799,90 euro per la configurazione da 8 GB + 128 GB e a 899,90 euro per la variante da 8 GB + 256 GB.
Inizialmente debutterà nelle colorazioni Horizon Blue e Midnight Grey, successivamente la gamma colori sarà ampliata con la versione Cloud White e la Lei Jun limited edition. Tutti gli acquirenti avranno diritto al servizio di riparazione o sostituzione dello schermo gratuito presso il centro assistenza Xiaomi più vicino nei primi dodici mesi successivi all'acquisto.

giovedì 11 febbraio 2021

Facebook: arriva la Registrazione per i Giornalisti

(Ansa)

Novità per il social network Facebook: arriva anche in Italia la Registrazione per i Giornalisti. Per quel che riguarda questa funzione offre la possibilità, per chi lavora per una testata giornalistica come dipendente o freelance, di registrarsi su Facebook e accedere a funzionalità di sicurezza che aiutano a proteggere ulteriormente il proprio profilo e l'account Instagram collegato.

Ai giornalisti registrati, il social fornirà l'accesso a CrowdTangle Search (una piattaforma di analisi) e la possibilità di richiedere il Blue Badge di verifica. La registrazione è volontaria, si può visitare la pagina dedicata nel Centro Assistenza di Facebook e cliccare sul link https://www.facebook.com/journalist_registration/opt-in.
Può da oggi registrarsi chi possiede i seguenti requisiti: lavorare per una testata giornalistica registrata come pagina di notizie su Facebook (si può dimostrare fornendo un indirizzo email professionale che corrisponde al dominio della testata giornalistica); per i freelance, fornendo il link a cinque articoli che accreditano la persona come autore o collaboratore di una testata registrata come pagina di notizie su Facebook oppure un link alla propria biografia sul sito della testata o dell'editore.
"La registrazione rappresenta l'impegno di Facebook per poter meglio sostenere i giornalisti sulla propria piattaforma" ha dichiarato la società "continueremo a lavorare con le testate giornalistiche, gli accademici e le imprese per trovare altri modi per supportare i giornalisti registrati".

domenica 7 febbraio 2021

Il 2021 potrebbe essere l'anno delle "case digitali"

Da anni il mercato dello Smart Home è in evoluzione, con la diffusione degli assistenti vocali, come Amazon Alexa e Google Home, che è diventata sempre più imponente negli ultimi anni, complice anche il fattore prezzo, che si mantiene relativamente basso.

Anche molti elettrodomestici oramai sono connessi in rete, con lavatrici, frigoriferi e asciugatrici che spesso hanno una applicazione collegata per il controllo da remoto. In questo scenario entrano anche le prese elettriche intelligenti, degli apparecchi che possono rendere ancora più digitale tutta la casa, con il controllo da remoto dei dispositivi tramite Wifi.
Inoltre anche gli impianti di refrigerazione e riscaldamento sono oramai controllati tramite la tecnologia, con la possibilità di avere termostati digitali che consentono di controllare e pianificare tramite smartphone il riscaldamento della propria abitazione.

sabato 6 febbraio 2021

Instagram: in fase di test le Storie in verticale

Grandi novità su Instagram, il quale insegue ancora una volta TikTok. Secondo il sito specializzato TechCrunch starebbe testando la possibilità di far fruire agli utenti le Storie in maniera verticale e non in maniera orizzontale, come accade ora.

Rivoluzionando così una delle sue caratteristiche principali per andar dietro al competitor made in Cina. La possibilità sarebbe in fase di test, lo ha confermato alla testata tecnologica il team di sviluppo di Instagram specificando però che non c'è alcuna certezza che la soluzione possa o meno arrivare nell'app finale.
La nuova funzione, in tal caso, si presterebbe più ad una visualizzazione di video piuttosto che a contenuti statici come le foto.

venerdì 5 febbraio 2021

Telegram: un nuovo aggiornamento per importare le chat da WhatsApp

(Ansa)
Novità su Telegram: approfittando della recente polemica su WhatsApp che vuole aggiornare i propri termini d'uso e la propria informativa per la privacy, ha lanciato un aggiornamento che consente di passare all'app senza perdere lo storico di tutte le conversazioni su WhatsApp.

Per quel che riguarda l'aggiornamento dell'app, è disponibile sia per iPhone sia per Android. Inoltre, i messaggi e i contenuti spostati non occupano spazio extra.

domenica 31 gennaio 2021

La prima smart radio pensata per le aziende è di Motorola

CHICAGO - La pandemia globale ha spinto le aziende a cambiare e adattare la propria operatività per riuscire a rispondere ai costanti cambiamenti e alle nuove sfide. Per molte aziende questo ha significato una maggiore attenzione alla collaborazione e alla produttività, e la necessità di disporre di comunicazioni voce, video e dati semplici e affidabili, nonché di applicazioni capaci di rendere più efficienti i singoli e i team. Motorola Solutions ha presentato oggi il suo primo dispositivo per le comunicazioni con funzionalità voce, video e dati a banda larga per mantenere i team sempre connessi, lavorare al meglio sempre informati e garantire un’attività produttiva senza soluzione di continuità.

La smart radio MOTOTRBO Ion integra in tempo reale dati intelligenti con i flussi di lavoro in essere dell’azienda. Il suo ecosistema aperto di app su piattaforma Android consente una perfetta integrazione con app utilizzate dall’azienda, come quelle utilizzate per la scansione di codici a barre di livello enterprise, nonché piattaforme di comunicazione di gruppo utilizzate per messaggistica, video-riunioni e condivisione di contenuti. La fotocamera integrata da 13 megapixel e un touchscreen intuitivo ad alta risoluzione da 4 pollici consentono agli utenti di allegare foto ai ticket di lavoro, utilizzare chat video per la diagnostica remota e visualizzare le immagini ad alta risoluzione, schemi, diagrammi, foto e video. Ciò ne semplifica la gestione e la sicurezza e consente alle aziende di passare all'uso di un unico dispositivo che offre la semplicità e l'affidabilità della radio push-to-talk con le funzionalità aggiuntive di smartphone, scanner e tablet.
"Disporre di una comunicazione vocale valida e affidabile è fondamentale quando si lavora in prossimità di apparecchiature industriali rumorose e in ambienti sotterranei caldi, polverosi e saturi di umidità: lo si capisce bene quando operi in prossimità di una fresa da 130 tonnellate e devi comunicare all'operatore di fermarsi immediatamente" ha affermato David Sibthorpe, direttore di stabilimento di CPB Contractors, azienda a cui sono stati appaltati i lavori per l'estensione della metropolitana di Sydney, il più grande progetto di trasporto pubblico in Australia. "La smart radio MOTOTRBO Ion combina comunicazioni vocali affidabili con funzionalità dati per un rapido accesso a dati essenziali come diagrammi di sistema, moduli di ispezione online, previsioni del tempo e applicazioni di messaggistica di gruppo, contribuendo a rendere molto più efficiente il lavoro di ogni utente".
La smart radio MOTOTRBO Ion opera con DMR (standard radio digitale), Wi-Fi, LTE pubblica e reti private a banda larga. È progettata con funzionalità complete per l’emissione di biglietti, scansione, ricerca, condivisione e la collaborazione per aumentare la produttività, soprattutto in settori come l’industria manufatturiera, trasporti, logistica e ospitalità che utilizzano forza lavoro mobile. Consente ai lavoratori aeroportuali di coordinare in modo sicuro e tempestivo il flusso dei servizi passeggeri, ai conducenti di camion di ricevere informazioni vitali sul percorso grazie a ticket di lavoro digitali, e al personale della sicurezza di trasmettere video ad alta definizione da stadi o parchi a tema.
"Abbiamo trascorso migliaia di ore ascoltando i nostri clienti che operano all’interno delle aziende, monitorando le loro esigenze e sforzandoci di comprendere le richieste che si trovavano ad affrontare, per riuscire a garantire efficienza a tutti i livelli" ha affermato John Zidar, senior vice president, Global Enterprise & Channels di Motorola Solutions "Ogni giorno devono affrontare innumerevoli situazioni in cui comunicazioni chiare e collaborazione sono indispensabili per gestire le attività in modo sicuro ed efficiente. Con la smart radio MOTOTRBO Ion abbiamo creato un prodotto che soddisfa i requisiti specifici di queste aziende e dei loro utenti, in modo che sia la tecnologia a supporto del lavoratore e non il contrario".
La smart radio MOTOTRBO Ion è progettata appositamente per i più vari ambienti enterprise. I doppi microfoni adattivi, le dimensioni degli altoparlanti e l'ingegnerizzazione forniscono una qualità audio cristallina e la soppressione del rumore per un audio potente che supera le prestazioni degli smartphone, specialmente in ambienti rumorosi. Utilizza materiali ultra resistenti, all’interno e all’esterno, e resiste a condizioni difficili e all'esposizione a polvere, acqua e a cadute ripetute. Con configurazione e provisioning basati su cloud, aggiornamenti remoti e monitoraggio dei dispositivi in tempo reale, è possibile implementare e manutenere il parco radio mantenendo al minimo l’impegno e i tempi di inattività.

sabato 30 gennaio 2021

Apple: l'azienda supera per la prima volta la soglia dei 100 miliardi di dollari

Grandi notizie in casa Apple: l'azienda chiude i primi tre mesi dell'esercizio fiscale, quelli del Natale, con ricavi in aumento del 21% superando per la prima volta la soglia dei 100 miliardi di dollari, a 111,4 miliardi. L'utile netto è aumentato del 29% a 28,76 miliardi.

"Non potremmo essere più ottimisti" dice l'amministratore delegato Tim Cook "Questo trimestre non sarebbe stato possibile senza il lavoro senza sosta di tutti i membri della squadra di Apple nel mondo. Siamo gratificati dall'entusiastica risposta dei consumatori per i nostri prodotti" aggiunge Cook annunciando che Apple stanzierà 350 milioni di dollari per promuovere una maggiore uguaglianza razziale e sul fronte della giustizia.
I ricavi dell'iPhone e della divisione servizi sono risultati decisamente sopra le attese. Per l'iPhone, grazie all'introduzione del 12 e alle sue diverse versioni, si sono attestati a 65,60 miliardi contro i 60,33 attesi dal mercato.
Per i servizi sono stati 15,76 miliardi rispetto ai 14,89 delle previsioni. Bene anche gli accessori, dispositivi per la casa e l'iPad, mentre i ricavi da Mac deludono a 8,44 miliardi di dollari. Le vendite internazionali hanno rappresentato il 64% dei ricavi trimestrali.
"La performance è stata spinta da una crescita a doppia cifra in tutte le categorie di prodotto" osserva Luca Maestra, il chief financial officer di Apple "Questi risultati ci hanno aiutato a generare un cash flow operativo record di 38,8 miliardi".

giovedì 28 gennaio 2021

Spotify: intensificati i progetti dedicati agli audiolibri

(Ansa)

Grande novità su Spotify: dopo la musica e i podcast, l'app intensifica i progetti nel settore dei contenuti in streaming multimediali con gli audiolibri. La piattaforma, dichiara The Hollywood Reporter, ha introdotto nove audiolibri di opere di pubblico dominio con registrazioni originali esclusive di Spotify.

Tra i titoli ci sono grandi classici come Frankenstein di Mary Shelley, con la narrazione di David Dobrik; The Awakening di Kate Chopin, con la narrazione di Hilary Swank; Persuasion di Jane Austen, con la narrazione di Cynthia Erivo.
Non è il primo tentativo con gli audiolibri della piattaforma, in passato il servizio ha introdotto il primo libro della serie di Harry Potter con capitoli letti da celebrità come Daniel Radcliffe, David Beckham e Dakota Fanning. La nuova raccolta di audiolibri classici di Spotify sarà disponibile a livello globale ma sarà promossa solo nei mercati di lingua inglese, come Stati Uniti, Regno Unito, Canada e Australia.

mercoledì 27 gennaio 2021

Smart working: lavorare da casa ci è costato fino a 268 euro in più a famiglia nel 2020

Il 2020 ha visto gli italiani alle prese con lo smart working e la didattica a distanza. Tra le novità in arrivo per le famiglie italiane c’è anche un bonus smart working. Si tratta di un’agevolazione, che potrebbe essere erogata sotto forma di contributo una tantum, per compensare la rinuncia a straordinari e buoni pasto dovuta al passaggio al lavoro agile. 
Tale contributo economico dovrebbe coprire, almeno parzialmente, le spese per le utenze necessarie al lavoro domestico. Ma di quanto sono cresciute le bollette nel 2020 per colpa del lavoro agile e della didattica a distanza? In media tra 145 e 268 euro in più. L'ultimo osservatorio SOStariffe.it ha stimato la maggiorazione dei consumi dovuti a studio e lavoro domestico nel corso dell'anno che si è appena concluso.

Lavoro agile, quanto mi costi

L'indagine dell'Osservatorio SOStariffe.it ha stimato le maggiorazioni di spesa relative alla fornitura di luce e gas ma anche di connessione web da rete fissa dovute allo smart working e alla didattica a distanza da casa nel corso del 2020. Sono stati esaminati tre profili di consumatore - tipo: il single, la coppia e la famiglia. 
Si è calcolata la spesa media annuale di ciascuno e, tramite simulazioni, si è potuto stimare l'incremento dei consumi dovuto alle nuove attività da casa. È emerso che, nel complesso, i single hanno speso 145 euro in più, le coppie se la sono cavata aggiungendo 193 euro alle solite bollette e, infine, le famiglie hanno dovuto mettere in conto 268 euro in più. 

Il costo dello smart working grava soprattutto sulle famiglie

L'indagine, condotta tramite i comparatori SOStariffe.it per le offerte luce e gas e le offerte internet casa, ha evidenziato che svolgere le consuete attività di lavoro e studio da casa, anziché recarsi all'esterno della propria abitazione, comporta un aggravio di costi soprattutto per i nuclei familiari.
I single, nel corso del 2020, hanno speso per le tre utenze considerate un totale di 1116 euro (di cui 719 per luce e gas e 397 per internet). Lo smart working ha fatto loro sborsare in media 145 euro in più. Le coppie, nel complesso, hanno dovuto sostenere, nel 2020, una spesa di 1484 euro per le bollette (che comprende 1087 di luce e gas e 397 di internet). La permanenza domestica per studio e lavoro ha inciso in media per 193 euro sul bilancio annuale delle coppie.
Il profilo di consumatore-tipo che ha risentito di più dei rincari dovuti allo smart working sono proprio le famiglie (quelle considerate dallo studio SOStariffe.it sono composte da due genitori e un figlio). In media i nuclei familiari hanno speso 2058 euro per le bollette nel corso del 2020 (di cui 1661 per la luce e il gas e 397 per la connessione da rete fissa). In questo caso l'incremento di spesa sostenuta in smart working si aggira sui 268 euro.

Come risparmiare sulle utenze nel 2021

Lo smart working semplificato, salvo proroghe dovute all'andamento dei contagi e dei vaccini, sarà in vigore fino al 31 marzo. Cosa fare dunque per risparmiare sulle utenze domestiche? 
"Un consiglio utile – risponde Alessandro Voci, responsabile Ufficio Studi e Indagini di SOStariffe.it - è passare al mercato libero già da ora e approfittare della migliore offerta luce o gas, magari una promozione di tipo dual fuel (una fornitura congiunta più facile da gestire e spesso piuttosto conveniente). Per quanto riguarda la connessione domestica, invece, possiamo individuare una promozione, magari per la fibra ottica FTTH, spendendo meno di 30 euro mensili".
Possiamo farlo con semplicità avvalendoci di uno strumento di comparazione, come l'apposito tool SOStariffe.it: https://www.sostariffe.it/internet-casa/
La ricerca si può effettuare ovunque in pochi clic grazie all’App SOStariffe.it, scaricabile gratis da iOS e Android store, tramite la quale possiamo ricevere consigli di risparmio "su misura" dagli esperti del comparatore: https://www.sostariffe.it/app/.

lunedì 25 gennaio 2021

LG e DISPLAX insieme per la realizzazione di un nuovo PCAP Touch Screen Overlay

LG Business Solutions Europe ha annunciato una nuova linea di soluzioni PCAP Touch Screen Overlay ad alte prestazioni offerta in collaborazione con DISPLAX, leader mondiale nella tecnologia multitouch ultra-large Projected Capacitive (PCAP). Questa linea di prodotti unica nel suo genere è stata progettata per i system integrator, in quanto consente di trasformare i display LG UHD in veri e propri touch screen con un livello di affidabilità elevato.

Il kit di retrofit LG Touch Overlay si basa sulla tecnologia DISPLAX SKIN MESH. Il sensore touch è completamente trasparente offrendo alla soluzione un livello di visibilità unica. L'installazione del kit di overlay è semplice in quanto può essere fissato al display con staffe e alcune viti. Inoltre, è in grado di riconoscere fino a 10 punti di contatto garantendo una reattività eccellente e dispone di un software di autotuning integrato che consente di regolare il touch. L’overlay consente di adattarsi alla maggior parte delle misure standard con opzioni per 22", 32", 43", 55", 65", 75" e 86".
Le opportunità di applicazione di questo prodotto sono innumerevoli: in aule scolastiche, sale riunioni, cinema, musei, negozi al dettaglio, chioschi interattivi, chioschi self-service e molto altro.
João Moreira, European Partner Alliance Business Development Manager di LG Electronics, ha commentato: "Il nostro obiettivo è quello di supportare le aziende di tutta Europa con soluzioni di digital signage interattive e di facile utilizzo. Siamo orgogliosi di offrire questa linea di overlay interattiva che garantisce le migliori prestazioni touch e una trasparenza incredibile. Questa soluzione può essere utilizzata in numerose applicazioni gantendo agli utenti esperienze interattive uniche".
La collaborazione con LG Business Solutions per DISPLAX, prima azienda al mondo a sviluppare e produrre film multitouch di grandi dimensioni, segna un passo importante nel rapporto strategico e di lunga durata tra le due aziende.
Miguel Fonseca, CEO di DISPLAX ha dichiarato: "È un grande onore per DISPLAX collaborare con un'azienda leader mondiale come LG Business Solutions. Ci permette di fornire valore aggiunto ai clienti grazie a un overlay touch screen in grado di soddisfare le aspettative e le esigenze del mercato".
Il Touch Overlay di LG è disponibile tramite i partner LG Distribution.

domenica 24 gennaio 2021

Differenze Internet e Mobile Banking: 5 cose da sapere per gestire il proprio conto a distanza

Sicurezza, velocità, assenza di costi, completezza e specificità di alcune operazioni: ecco le 5 cose da sapere sull’utilizzo del conto da PC o smartphone individuate da SOStariffe.it in risposta ai molti dubbi, pervenuti al sito di confronto conti correnti online, sull’operatività del conto tramite internet e mobile banking. 

Le generazioni che hanno più di 50 anni sono ancora abituate a effettuare qualsiasi tipologia di operazione bancaria recandosi presso lo sportello fisico dell’istituto di credito presso il quale hanno scelto di aprire un conto corrente. 
La diffusione sempre più massiccia dei conti correnti online e degli smartphone dotati di accesso a Internet ha portato all’esplosione dei servizi di Internet Banking e di Mobile Banking. Tali servizi consentono di gestire il proprio denaro rispettivamente tramite l’utilizzo di un PC o di un telefono. 
Nonostante il 30% dei bonifici effettuati avvenga ancora presso una filiale fisica, sono sempre di più gli utenti che scelgono di gestire il proprio conto direttamente da casa, tramite l’utilizzo del sito Internet della propria banca, oppure scaricando l’applicazione associata al conto, la quale può essere gestita sia da app sia da tablet. 
SOStariffe.it ha confrontato il funzionamento dell’Home Banking e del Mobile Banking al fine di individuare gli aspetti più significativi riguardanti il loro utilizzo e se ci sono operazioni che si possono eseguire da PC, ma non tramite l’applicazione, e viceversa. 

Internet Banking e Mobile Banking: un po’ di numeri

L’Internet Banking, chiamato anche Home Banking, è stato il primo servizio a fare il suo ingresso nel settore bancario, grazie a un processo di digitalizzazione che ha portato in seguito alla diffusione delle prime applicazioni disponibili su smartphone o tablet. 
Se in un primo momento l’Internet Banking era molto più diffuso rispetto al Mobile Banking, perché i siti delle banche sono stati introdotti molto prima delle applicazioni, oggi si può dire che non ci siano particolari differenze in termini percentuali. 
Stando al rapporto annuale di ABI Lab, infatti, l’86% delle operazioni bancarie vengono effettuate da PC contro l’83% che avviene invece da smartphone. Al di là dei numeri, resta da capire cosa cambia a livello di funzionalità e quali sono gli eventuali elementi di discrepanza presenti tra la gestione del conto corrente da PC e quella da smartphone. 

I due sistemi sono ugualmente sicuri

La sicurezza è senza dubbio un fattore che caratterizza sia l’Internet Banking, sia il Mobile Banking: in entrambi in casi è presente in genere l’identificazione a due fattori, che è in grado di garantire un secondo livello di protezione. Il Mobile Banking dà anche la possibilità, se si è in possesso di uno smartphone di ultima generazione, di autentificarsi ed effettuare l’accesso al conto tramite l’impronta digitale o il riconoscimento facciale. 
In alcuni casi l’applicazione è indispensabile nell’effettuare i pagamenti online su determinati siti, in quanto per autorizzare operazioni quali bonifici o ricariche di carte prepagate si dovrà generare il cosiddetto codice OTP, un codice usa e getta senza il quale non sarà possibile completare le varie transazioni. Tale codice viene generato con l’utilizzo dell’applicazione ed è alla base del sistema a doppia autenticazione. 

Velocità e assenza di commissioni

I servizi bancari ai quali si può avere accesso tramite l’utilizzo dell’Internet banking o del Mobile Banking non sono soltanto sicuri: ad essi si aggiunge infatti anche il fattore velocità e quello dei costi, che sono quasi del tutto assenti. 
Prendendo come esempio un’operazione canonica quale il bonifico, andare in banca significa dover fare la fila e pagare una commissione. La stessa identità operazione può essere svolta in pochi semplici clic online o tramite applicazione: nella maggior parte dei casi, quando si tratta di bonifici SEPA in Italia, è anche gratuita. 

Il Mobile Banking è meno completo dell’Internet Banking

Come regola generale l’Internet banking presenta elementi in più rispetto a quelli inseriti all’interno della relativa applicazione: si tratta, infatti, del sito ufficiale della banca, che rappresenta una vera e propria versione online di una filiale bancaria. 
Le applicazioni hanno di solito funzionalità leggermente ridotte, anche se potrebbero essercene alcune che permettono di fare esattamente tutto quello che si può fare sul sito. In molti casi sono assenti i Cbill, il sistema PagoPA, i giroconti, i pagamenti di imposte e tasse tramite F24, gli addebiti diretti. 

In alcuni casi il Mobile Banking è insostituibile

Oltre che per la generazione del codice OTP, che un tempo veniva generato da un dispositivo esterno, ci sono anche altri casi nei quali il Mobile Banking rappresenta un servizio non intercambiabile rispetto all’Internet Banking. 
Tra questi casi troviamo lo scambio di denaro con altri utenti che hanno lo stesso conto (come ad esempio Bancomat Pay), oppure il prelievo allo sportello, senza avere con sé la carta di pagamento, che può essere effettuato tramite la lettura di un QR code. 
In diverse situazioni, quindi, lo smartphone non potrà essere rimpiazzato dal sito. In aggiunta, ci sono anche alcune banche che permettono di accedere all’area clienti presente sul proprio sito solo tramite un codice che viene generato tramite Mobile Banking. In altre parole, non si potrà accedere all’Internet banking senza l’utilizzo di uno smartphone. 

La comparazione per individuare il miglior conto online: nel 2020 in aumento del 51%

Una delle strategie più efficaci per individuare un conto corrente gestibile tramite Internet o Mobile Banking è l’utilizzo di un comparatore online. Il 2020 ha registrato un aumento pari al 51,34% in tutta Italia per quel che riguarda le ricerche tramite comparazione. 
In particolare, il loro utilizzo ha avuto un aumento del 59,5% in relazione al pubblico maschile e del 38,7% su quello femminile. Le percentuali sono aumentate in particolare nelle fasce di età compresa tra i 25 e i 34 anni (+74%), i 18 e i 24 anni (+52%), i 35 e i 44 anni (+51%). 
Il comparatore di conti correnti online di SOStariffe.it https://www.sostariffe.it/conto-corrente/ permette di confrontare in pochi secondi le migliori soluzioni disponibili in commercio e valutarle tramite un approccio di tipo comparativo. Lo strumento è disponibile anche sotto forma di applicazione, da scaricare sul proprio telefono in modo gratuito tramite le piattaforme App Store e Play Store: https://www.sostariffe.it/app/.

sabato 23 gennaio 2021

TikTok: "La priorità è la privacy, siamo al lavoro per tutelare gli utenti"

(Ansa)
"Abbiamo ricevuto e stiamo analizzando l'informativa del Garante. La privacy e la sicurezza sono una priorità assoluta per TikTok e lavoriamo costantemente per rafforzare le nostre policy, i nostri processi e le nostre tecnologie per proteggere tutta la nostra community e i nostri utenti più giovani in particolare" ha dichiarato, in una nota, un portavoce di TikTok in merito alla decisione dell'Autorità per la protezione dei dati personali che in questi giorni - dopo il caso della bambina di 10 anni morta a Palermo - ha disposto il blocco per tutti gli account del social "per i quali non sia stata accertata con sicurezza l'età anagrafica".

"Il Garante - ricorda la stessa Autorità in una nota - già a dicembre aveva contestato a Tik Tok una serie di violazioni: scarsa attenzione alla tutela dei minori; facilità con la quale è aggirabile il divieto, previsto dalla stessa piattaforma, di iscriversi per i minori sotto i 13 anni; poca trasparenza e chiarezza nelle informazioni rese agli utenti; uso di impostazioni predefinite non rispettose della privacy".
"In attesa di ricevere il riscontro richiesto con l'atto di contestazione, l'Autorità ha deciso comunque l'ulteriore intervento odierno al fine di assicurare immediata tutela ai minori iscritti al social network presenti in Italia. L'Autorità - si spiega ancora - ha dunque vietato a Tik Tok l'ulteriore trattamento dei dati degli utenti "per i quali non vi sia assoluta certezza dell'età e, conseguentemente, del rispetto delle disposizioni collegate al requisito anagrafico".
Il divieto "durerà per il momento fino al 15 febbraio, data entro la quale il Garante si è riservato ulteriori valutazioni.
Il provvedimento di blocco - conclude la nota - verrà portato all'attenzione dell'Autorità irlandese, considerato che recentemente Tik Tok ha comunicato di avere fissato il proprio stabilimento principale in Irlanda".

venerdì 22 gennaio 2021

Netflix: superati i 203 milioni di abbonati

(Ansa)

Grandi notizie per Netflix: all'avvio di Wall Street vola dopo la trimestrale che ha evidenziato un aumento oltre le attese degli abbonati. I titoli Netflix salgono del 12,83% spingendo il Nasdaq a un nuovo record.

La pandemia ha costretto in casa miliardi di persone e spinto Netflix. Il colosso della tv in streaming chiude il quarto trimestre con 8,51 milioni di abbonati in più, archiviando il 2020 sopra i 200 milioni di abbonamenti, per l'esattezza 203,7. Il balzo sopra le attese mette le ali a titoli Netflix a Wall Street, dove arriva a guadagnare il oltre il 10,4%. Netflix negli ultimi tre mesi dello scorso anno ha visto salire i suoi ricavi a 6,64 miliardi di dollari dai 5,45 miliardi dello stesso periodo dello scorso precedente.
L'utile però è calato a 542 milioni, o 1,19 dollari per azione, dai 587 milioni del quarto trimestre del 2019. Nell'intero 2020 Netflix ha visto aumentare i propri utenti di 37 milioni di unità.

giovedì 21 gennaio 2021

Facebook: lanciata la nuova tecnologia che migliora il Testo Alternativo Automatico per i non vedenti

(Ansa)

Novità per i non vedenti e ipovedenti: Facebook lancia una nuova tecnologia che migliora il cosiddetto 'AAT', il Testo Alternativo Automatico, il quale aiuta a comprendere il contenuto delle foto pubblicate sul social network.

Introdotta per la prima volta nel 2016, l'AAT utilizza la tecnologia di visione artificiale per generare, in modo automatico, le descrizioni di un'immagine. Quando si usano i lettori di schermo, la tecnologia converte il testo e altri elementi in parlato. Nel più recente aggiornamento, Facebook consente all'AAT di riconoscere nei post su Instagram e Facebook un contenuto oltre 10 volte più specifico rispetto al primo sviluppo, di cinque anni fa. Di conseguenza, un numero più alto di foto otterrà la descrizione testuale e un dettaglio di testo parlato maggiore, per una migliore comprensione.
"Abbiamo ampliato le categorie di oggetti e contenuti esistenti e ne abbiamo aggiunte di nuove", spiega Facebook. La nuova tecnologia ha la capacità di riconoscere attività, simboli e tipologie di animali, per avere descrizioni più approfondite.
Non avremo quindi solo frasi del tipo "Selfie all'aperto" ma "Selfie di due persone all'aperto, con la Torre pendente di Pisa". Altra novità è rappresentata dal poter fornire informazioni dettagliate su un'immagine specifica, compresa la posizione degli oggetti nella foto (in alto/al centro/in basso o a sinistra/centro/destra) e la loro dimensione relativa (primaria, secondaria). Le descrizioni sono formulate in modo semplice, e ciò facilita la traduzione in 45 lingue diverse.

lunedì 18 gennaio 2021

Telegram: gli hackers potrebbero individuare la posizione degli utenti

(Ansa)

In questi giorni Telegram, l'app considerata alternativa a WhatsApp, è sotto pressione per il cambio dell'informativa sulla privacy, e non sarebbe così protetta. Stando al sito specializzato ArsTechnica, infatti, se si usa la chat da un dispositivo Android o, in alcuni casi, anche da un iPhone, Telegram consente a malintenzionati di trovare facilmente la posizione di un utente se abilita una particolare funzione, cioè quella che consente alle persone geograficamente vicine di connettersi.

E qualche problema ce l'ha anche Signal, altra app del momento, considerata anche questa un'alternativa a WhatsApp. Il 15 gennaio, proprio il giorno in cui ha festeggiato il traguardo di 50 milioni di download, ha manifestato problemi tecnici, probabilmente per l'afflusso improvviso e imprevisto di nuovi utenti.

domenica 17 gennaio 2021

LG presenta la nuova serie di Monitor "Ultra" 2021 che supera tutte le aspettative

LG Electronics (LG) rafforza la sua posizione nel mercato dei monitor premium presentando al CES® 2021 i nuovi monitor della serie Ultra. Progettati per gamer, artisti digitali e professionisti in ambito tech, i nuovi monitor delle serie UltraFine™, UltraGear™ e UltraWide® offrono un’esperienza superiore in termini di produttività e intrattenimento e sono perfetti sia per l'uso domestico che per quello in ufficio.

Monitor gaming LG UltraGear 2021

Grazie al display Nano IPS da 1 millisecondo Gray-to-Gray (GTG), i monitor gaming UltraGear di LG (modelli 27GP950, 32GP850 and 34GP950G) offrono esperienze di gioco uniche. Tutti e tre i nuovi modelli 2021 hanno potenziato le funzionalità che garantiscono un’esperienza di gioco coinvolgente, tra queste gli incredibili tempi di risposta, la qualità delle immagini, l’alta risoluzione dei display e l'ampia gamma di colori (DCI-P3 al 98%).
Il monitor UltraGear Ultra HD 4K (modello 27GP950) rende le sessioni di gioco più fluide grazie a un refresh rate di 144Hz, con overclock a 160Hz. Per offrire immagini impeccabili supporta anche l’HDMI 2.1 e il Variable Refresh Rate (VRR) e permette agli utenti di godere di giochi in 4K fino a 120Hz sia su PC che su console di ultima generazione. Alle elevate prestazioni di gioco del modello 27GP950 si aggiunge la calibrazione hardware di LG, che consente al display Nano IPS di riprodurre colori incredibilmente precisi e brillanti.
Il monitor 32GP850 si pone come degno successore del modello 27GL850 presentato da LG lo scorso anno. Il monitor Nano IPS da 31,5 pollici ad alta definizione (Quad HD) offre un livello superiore di gioco con un pannello a cristalli liquidi ad altissima velocità grazie ad un refresh rate di 165 Hz, con overclock a 180 Hz. Compatibile con NVIDIA G-SYNC®, il monitor UltraGear offre un’esperienza di gioco immersiva, garantendo immagini ricche e vivide senza problemi di tearing o stuttering.
Vincitore del CES Innovation Award 2021, il modello 34GP950G regala ai giochi una qualità di immagine di livello cinematografico grazie al display UltraWide Quad HD Nano IPS da 34 pollici con aspect ratio da 21: 9 e un refresh rate di 144Hz (overclock a 180Hz). Il monitor UltraGear è NVIDIA G-SYNC® ULTIMATE perché soddisfa i requisiti di NVIDIA per diverse categorie tra cui la qualità dell'immagine con stuttering e tearing ridotti al minimo un’esperienza di gioco immersiva.
Inoltre, i modelli 27GP950 e 34GP950G sono certificati VESA DisplayHDR 600, mentre il 32GP850 supporta il formato HDR10 per un gioco dinamico. Ciascun modello è dotato di uno schermo con finitura opaca per ridurre i riflessi e ha un design arrotondato nella parte posteriore che fa parte del look futuristico e distintivo di LG UltraGear.

Monitor LG UltraWide 2021

Anche al monitor LG UltraWide 40WP95C è stato riconosciuto il CES Innovation Award. Grazie al display Nano IPS curvo da 40 pollici con risoluzione UltraWide 5K2K (5.120 x 2.160) e un aspect ratio di 21:9 questo monitor è perfetto per gestire il multitasking. L’ampiezza dello schermo consente al monitor 40WP95C di gestire più informazioni contemporaneamente. Queste caratteristiche lo rendono la scelta ideale per creatori e sviluppatori di contenuti digitali, o per chiunque utilizzi frequentemente più programmi simultaneamente. Questo monitor copre il 98% della gamma colore DCI-P3 e il 135% dello spazio colore sRGB offrendo una qualità delle immagini incredibilmente nitida e garantendo la precisione necessaria per quei lavori in cui la cura del dettaglio è fondamentale. Il supporto al formato HDR 10 garantisce, invece, prestazioni HDR impeccabili.
LG UltraWide soddisfa anche le più moderne esigenze di connettività con una serie di opzioni tra cui Thunderbolt™ 4 che offre un rapido trasferimento dei dati tramite un unico cavo. Il monitor 40WP95C garantisce, inoltre, un elevato livello di comfort grazie al suo design ergonomico e ad un elevato grado di regolazione che consente di posizionare il monitor all'altezza, alla distanza e all'angolazione desiderata.

Monitor LG UltraFine OLED Pro 2021

Il display UltraFine OLED Pro di LG (modello 32EP950) è la soluzione ideale per i professionisti in ambito creativo - in particolare per artisti e produttori di effetti visivi che lavorano in studi cinematografici o di animazione – in quanto offre un'accurata riproduzione dei colori e un'eccezionale qualità delle immagini HDR e SDR. Grazie al display OLED auto-emissivo, il monitor 4K da 31,5 pollici offre un contrast ratio di 1.000.000:1, mentre il controllo indipendente dell'oscuramento dei suoi oltre otto milioni di pixel aiuta ad eliminare l'effetto alone comune a molti display LCD. Il display UltraFine OLED Pro fornisce anche un’eccellente precisione del colore, coprendo il 99% sia della gamma colore DCI-P3 che dello spazio colore di Adobe RGB.
LG UltraFine Display OLED Pro raggiunge la fedeltà dei colori richiesta dagli artisti digitali grazie al pannello OLED 4K a 10 bit e all’applicazione LG Calibration Studio. La soluzione di calibrazione hardware di LG consente agli utenti un elevato livello di regolazione per garantire il massimo grado di precisione e coerenza del colore. Il monitor, inoltre, è dotato di una porta USB Type-C con ricarica da 90W, due DisplayPort, tre porte USB e una porta HDMI per una connettività elevata con una vasta gamma di dispositivi.
"Esperienza di gioco coinvolgente, maggiore produttività e prestazioni elevate, gli innovativi monitor della serie Ultra di LG sono dotati di funzionalità in grado di soddisfare le esigenze degli utenti più esigenti", ha dichiarato Jang Ik-hwan, senior vice president and head of the IT business unit of LG Electronics Business Solutions Company. "Continueremo a rafforzare la nostra leadership nella categoria dei monitor premium con nuove offerte innovative e diversificate, progettate specificamente per diversi tipi di utenti".
La gamma 2021 dei monitor della serie Ultra di LG verrà presentata presso lo stand virtuale in occasione del CES a partire dall'11 gennaio. Per rimanere aggiornati sugli annunci di LG al CES è possibile seguire l’hashtag #LGCES2021 sui social media.

sabato 16 gennaio 2021

WhatsApp: posticipate di 3 mesi le nuove norme sulla privacy

Novità in casa Facebook: sono stati posticipati al 15 maggio i nuovi termini sulla privacy per WhatsApp, concedendo di fatto tre mesi in più agli utenti per rivederle e accettarle. L'annuncio segue la pioggia di critiche piovute sull'app di messaggistica per l'aggiornamento dell'informativa sulla privacy e la fuga dal servizio verso le rivali Signal e Telegram.

Inizialmente WhatsApp aveva fissato all'8 febbraio la scadenza per rivedere e accettare l'aggiornamento dell'informativa sulla privacy, pena la sospensione o l'eliminazione dell'account. Ora invece la società comunica che inviterà i suoi "utenti a rivedere l'informativa prima del 15 maggio, quando saranno disponibili le nuove opzioni business".
La decisione è legata alla "confusione" che si è creata, spiega WhatsApp chiarendo che "l'ultimo aggiornamento non cambia nulla" del concetto fondamentale della società. L'app "si fonda su un concetto semplice: tutto ciò che condividi con familiari e amici rimane tra voi. Questo significa che continueremo a proteggere le tue conversazioni personali con la crittografia end-to-end", spiega WhatsApp. L'ultimo aggiornamento "non cambia nulla di tutto questo" ma include "nuove opzioni facoltative che consentono agli utenti lo scambio di messaggi con le aziende che usano WhatsApp e offrono maggiore trasparenza sulle nostre modalità di raccolta e utilizzo dei dati. Con questo aggiornamento non aumenta la nostra capacità di condividere le informazioni con Facebook". "Continueremo - osserva la società - a fare del nostro meglio per rendere WhatsApp il modo migliore di comunicare privatamente".

venerdì 15 gennaio 2021

Carte di credito nel 2021: il costo di attivazione si abbassa del 22,18%

Allo stesso modo dei conti correnti, anche le carte di credito sono soggette, di anno in anno, a modifiche delle condizioni contrattuali che, in alcuni casi, rendono difficile riuscire a comprendere veramente quali siano le spese effettive da sostenere. 
Al fine di esaminare l’evoluzione dei costi medi delle carte di credito diffuse in Italia, SOStariffe.it ha messo a confronto tra loro i principali elementi che contraddistinguono questa tipologia di carta di pagamento elettronico. L’osservatorio si è basato sulle condizioni contrattuali delle principali carte commercializzate a gennaio 2021. I dati raccolti sono poi stati rapporti con quelli relativi all’anno precedente. 

La riduzione del canone mensile e dell’attivazione

Lo studio di SOStariffe.it è partito dalla comparazione di quelli che sono i costi di gestione standard che tutti i possessori di una carta di credito sono tenuti a sostenere. I primi due parametri analizzati sono stati il canone mensile e il costo di attivazione. 
Il primo ha subito una riduzione dell’1,11% rispetto allo scorso anno, passando da una media di 6,30 euro a una di 6,23 euro. In merito all’attivazione, invece, la differenza riscontrata è ancor di più significativa: il costo si è ridotto a 2 euro dai 2,57 euro iniziali, con una diminuzione del 22,8%. 

Aumenta il costo dei prelievi: unica eccezione quelli in zona extra Ue

La comparazione di SOStariffe.it ha preso successivamente in esame le varie forme di prelievo che possono caratterizzare l’utilizzo di una carta di credito. Nello specifico, si tratta del prelievo presso l’ATM della stessa banca, di quello presso l’ATM di un altro istituto di credito, del prelievo all’estero in zona Ue o non Ue e dei prelievi gratuiti che sono inclusi ogni mese. 
L’unico caso nel quale si assiste a una riduzione dei costi è quello relativo al prelievo all’estero, in zona extra Ue: l’abbassamento è pari al 44,90%, con una variazione del costo che va da 5,10 euro a 2,81 euro. 
Nelle altre tipologie di prelievo, il confronto tra il 2020 e il 2021 fa emergere una maggiorazione dei costi. Nello specifico, se lo scorso anno si dovevano spendere in media 3,31 euro per un prelievo presso la stessa banca, quest’anno ne servono 3,74, con un prezzo in salita del 12,99%. I prelievi presso l’ATM di un’altra banca e quelli all’estero in zona Ue sono aumentati rispettivamente 5,65% e del 2,47%. 
La variazione nei costi ha portato nel primo caso a dover pagare una quota di 3,74 euro, contro i 3,54 dello scorso anno, mentre per i prelievi all’estero in zona Ue nel 2021 si pagheranno sempre 3,74 euro, mentre nel 2020 il costo era pari a 3,65 euro. 
Il cambiamento di maggior impatto a livello percentuale è quello riguardante i prelievi gratuiti, che fino al 2020 erano pari a 90, mentre quest’anno ammontano soltanto a 23: la differenza è pari al 74,44%. 

Commissioni, massimale prelievo e plafond: come sono cambiati

Le altre voci da considerare in relazione a una carta di credito in termini numerici sono rappresentate dalle commissioni, dal massimale del prelievo e dal plafond. Se le commissioni per l’utilizzo del POS in Italia e in Europa sono rimaste pari a zero, quelle in zona extra Ue sono in aumento del 6,67%. 
Un dato positivo riguarda il massimale del prelievo, che è cresciuto del 4,87%, passando da 607 euro a 637 euro. Variazione al ribasso per quel che riguarda, invece, il plafond, il cui importo massimo si è notevolmente ridotto. Si parla di una percentuale dell’84,69%: nel 2021 è infatti stato quantificato un plafond medio di 4.056 euro, contro i 26.489 del 2020. 

Come trovare le migliori carte di credito online

Dopo aver preso visione di quelli che sono i costi di una carta di credito, non resta che capire qual è il modo più efficace per riuscire a individuarne una adatta alle proprie esigenze. Un ottimo espediente rimane quello di utilizzare il comparatore di carte SOStariffe.it, con cui sono stati raccolti i dati alla base dello studio presentato: https://www.sostariffe.it/confronto-carte/.
Tale strumento potrà essere utilizzato anche sotto forma di app, da scaricare gratuitamente sul proprio smartphone tramite le piattaforme App Store e Play Store, in modo da poter confrontare in qualsiasi momento i prezzi delle varie carte di credito disponibili: https://www.sostariffe.it/app/.

giovedì 14 gennaio 2021

Aumenti luce e gas: con il mercato libero risparmi fino a 217 euro. In calo rispetto al 2020

Il 2021 prende il via con bollette luce e gas più pesanti. In base all'aggiornamento trimestrale dei prezzi stabilito da Arera, l’Authority di settore, le famiglie in regime di maggior tutela tra gennaio e marzo del 2021 spenderanno di più per la luce (+ 4,5%), ma anche per il gas (+ 5,3%). Il passaggio al mercato libero, quindi, è un’opportunità concreta per alleggerire le spese per le utenze. Tuttavia, passare al mercato libero permetterà risparmi (seppur di poco) inferiori rispetto al 2020. L'ultimo studio SOStariffe.it ha calcolato quanto sarà possibile mettere da parte, distinguendo tre profili- tipo di consumo: un single, una coppia e una famiglia di quattro persone.

Vita da single: risparmi medi di 132 euro in un anno, in calo rispetto al 2020 (-6,54%)

I dati sono stati ricavati da SOStariffe.it avvalendosi del proprio comparatore offerte luce e gas. I costi e gli importi sono stati simulati sulla base della promozione più conveniente nel mercato libero a gennaio 2021, posta a confronto con la migliore offerta di ottobre 2020, per ciascun profilo di consumo. Il primo profilo considerato è quello di un single residente a Milano, con fabbisogno di luce pari a 1400 kWh e di gas di 500 Smc. 
Approfittando delle migliori tariffe del momento sul mercato libero, il single riceverà in media quest'anno una bolletta della luce di 268 euro e una del gas di 322 euro. Sommando entrambe le utenze arriverà a spendere 590 euro. Si tratta di somma ben più alta se confrontata con la stessa spesa per luce e gas di ottobre 2020, pari a 567 euro (circa il 4% in più). Dunque, i rincari del primo trimestre 2021 sembrano avere un impatto anche per i clienti che non sono più in regime di maggior tutela. Nonostante tutto, il passaggio al mercato libero risulta comunque conveniente anche se un po' meno rispetto allo scorso anno. L’indagine, infatti, ha evidenziato che lo stesso single nel corso del 2020 riusciva a risparmiare 141 euro su entrambe le bollette mentre nel 2021 potrà risparmiarne solo 132 (circa il 6,54% in meno).

Coppie: nel 2021 risparmi attesi di 141 euro, tra luce e gas. Più bassi del 2020 (-28,78%)

Il secondo profilo di consumo esaminato dall'Osservatorio SOStariffe.it è quello di una coppia che vive a Milano con un fabbisogno annuo medio di 2400 kWh di luce e 800 Smc di gas. Anche per le coppie le bollette del 2021 si rivelano più gravose. Pur approfittando dell'offerta più economica attualmente reperibile sul mercato libero, le coppie dovrebbero sostenere una spesa media annua di 411 euro di luce e 510 euro di gas. Considerate entrambe le utenze, dunque, si arriva a spendere una media di 921 euro nel 2021 a fronte di soli 848 spesi nel 2020 (pari al 8,64% in più). 
Gli importi possono variare a seconda che si scelga un'offerta monoraria o bioraria. A risentire meno degli aumenti sono le offerte monorarie a prezzo variabile. Anche in questo caso il passaggio al mercato libero risulta sempre vantaggioso, tuttavia la convenienza si è purtroppo attenuata rispetto allo scorso anno. Le coppie nel 2020 hanno potuto risparmiare su entrambe le utenze fino a 199 euro. Nel 2021 i risparmi si fermano a 141 euro (circa il 28,78% in meno).

Famiglie: fino a 217 euro di risparmi nel 2021. Appena meno (-5, 82%) del 2020

I nuclei familiari si confermano, come lo scorso anno, il profilo di consumo in grado di ottenere i maggiori risparmi con il passaggio al mercato libero. L'Osservatorio SOStariffe.it si riferisce a una famiglia tipo di 4 individui, con casa a Milano e un fabbisogno annuo di 3400 kWh di luce e 1400 Smc di gas. 
Dal report emerge che, pur approfittando delle offerte più economiche sul mercato libero a gennaio 2021, le famiglie dovranno sostenere costi più elevati nel corso dell’anno appena iniziato. Con una spesa che si aggira per l'energia elettrica sui 566 euro e per il gas attorno a 842 euro. 
L’impegno economico complessivo per le due utenze è pertanto pari a 1408 euro annui, mentre lo scorso anno, ad ottobre, si attestava sui 1370 euro (circa il 2,76% in più). Il passaggio al mercato libero consente dunque alla famiglia-tipo di risparmiare più di tutti gli altri consumatori considerati: ben 217 euro nel corso del 2021. Purtroppo, anche in questo caso, si registra un lieve calo (-5,82%) rispetto ai risparmi del 2020, che si aggiravano su 230 euro annui.

Alcuni consigli di risparmio: usare il comparatore e controllare i dati in fattura

Come fare a individuare l'offerta giusta nel mercato libero? La prima regola, e anche la più importante, e quella di utilizzare un comparatore, come il tool semplice e intuitivo messo a disposizione da SOStariffe.it, grazie al quale sono stati rilevati i dati di questa indagine: https://www.sostariffe.it/energia-elettrica-gas/. Lo strumento, accessibile anche in mobilità grazie all’applicazione SOStariffe.it per dispositivi mobili https://www.sostariffe.it/app/ , consente di visualizzare in una schermata sinottica tutte le promozioni e le offerte più convenienti del momento. Il comparatore ci restituisce anche informazioni precise sul risparmio ottenibile rispetto al mercato tutelato.
Altra regola d'oro per il risparmio è verificare tutti i costi in bolletta, per non avere sorprese dopo la sottoscrizione di un nuovo contratto. Cosa significa? La bolletta della luce e quella del gas sono composte di varie voci. Alcune sono identiche per tutti i fornitori, in quanto stabilite dall'Autorità di settore. Il costo a cui prestare maggiore attenzione è, per la luce, quello relativo al prezzo energia e, per il gas, la spesa materia prima gas. Nel mercato tutelato è Arera, infatti, a fissare e aggiornare ogni tre mesi questo costo. Mentre nel mercato libero è il fornitore che lo sceglie e lo modifica in base a quanto indicato nelle condizioni contrattuali. Per evitare rincari nel breve periodo, conviene attivare tariffe con prezzo che resti bloccato quanto più a lungo possibile.

Come cambiare fornitore nel modo più intelligente

Individuiamo a questo punto le promozioni riservate a chi è in cerca di nuovo gestore. Fornendo i dati presenti in bollette al nuovo gestore, potremmo procedere al cambio di fornitura nel giro di un mese. Altro espediente utile a risparmiare è scegliere le offerte dual fuel, ovvero le promozioni che comprendono una doppia fornitura energetica (luce e gas). Le comodità di queste soluzioni consistono nella ricezione di una sola bolletta per entrambe le forniture e nella presenza di sconti extra per l'attivazione congiunta oltre al vantaggio di rivolgersi a un solo interlocutore. Infine, è sempre buona norma leggere le opinioni degli altri clienti in merito ad un determinato fornitore. Tali opinioni sono disponibili, oltre che sui siti dei medesimi gestori, su portali specializzati. Anche SOStariffe.it ha creato, sul proprio sito, uno spazio con le opinioni degli utenti. Una sorta di "passaparola" che ci aiuta a scoprire la reputazione digitale del nostro futuro fornitore.